lunedì 29 ottobre 2018

Le parole, al tempo del web







Ciao ragazzi, oggi vorrei farvi riflettere, attraverso il video  dell'intervista allo scrittore Andrea Camilleri e quest'immagine, di una donna che porta una maglietta, ma non una maglietta qualunque: la scritta, come potete vedere, è una parodia dei campi di sterminio nazisti, visto che il logo è simile a quello della Disney e compare la scritta "Auswitzland". Preoccupante è la maglietta, preoccupanti sono i partecipanti alla manifestazione di Predappio, riunitisi il giorno 28 ottobre 2018 in occasione dell' anniversario della nascita del Fascismo in Italia che  con la "Marcia su Roma" nel 1922, portò al potere  Benito Mussolini. Sono da condannare con forza le celebrazioni nostalgiche di una pagina della storia che portò la dittatura in Italia e sono da condannare coloro che  inneggiano all'odio razziale e ridono o peggio si prendono gioco del dolore delle vittime dell'Olocausto durante il periodo più tragico della nostra storia che vide l'ascesa del Nazismo e del Fascismo in Europa con la deportazione e lo sterminio di 6 milioni di ebrei nei campi di concentramento e in totale tra i 15 e i 17 milioni di persone tra cui: Ebrei appunto, Rom, disabili, non ariani, dissidenti politici.
Da questa vergognosa pagina della nostra storia vanno prese le distanze con fermezza e la prima istituzione che lo deve fare è la scuola.
Oggi purtroppo, stiamo assistendo alla nascita di molti movimenti in Europa e nel mondo che invece sembrano appoggiare la vergogna nazi-fascista  e soprattutto vedo molto odio ed incitamento all'odio razziale nel web, anche da parte di chi dovrebbe rappresentare le istituzioni e fomentando l'odio, non ne è degno.
Ragazzi, riprendo le parole di Camilleri: "le parole sono pietre e possono trasformarsi in pallottole".
Siete voi che dovrete creare il mondo di domani, avete un compito importantissimo, bisogna credere nei valori di pace#uguaglianza#fraternità.

Non seguite l'esempio dei seminatori di odio, non fate come loro. Usate la rete  e i social, per trasformarli in un veicolo di accoglienza e solidarietà e siate umani, anche se i modelli di umanità a volte sono scarsi e insufficienti. C'è un mondo di pace da costruire e c'è posto per tutti in questa terra.
Siete voi che vi chiamate "Fra" o "Bro"... cosa significa essere fratello dell'altro?Diamo un senso ed un significato a queste parole, aiutiamo veramente l'altro, il nostro compagno, oppure "fra" e "bro", saranno parole vuote, senza significato.
Cosa ne pensate?Aspetto le vostre riflessioni.
Prof. Anto


martedì 5 giugno 2018

Ultime notizie!!!




La scuola sta per finire, il caldo si fa sentire (eccome!!!) ma le grandi notizie non mancano di certo.
Sono inarrestabili i nostri studenti: i ragazzi accumulano vittorie su vittorie nel campo dello sport, ma ci sono anche i riconoscimenti per i lavori artistici (Progetto "La giraffa") o per la libera espressione (Mostra di fotografie sull'uscita con gli Alpini sul Montello), e ancora testi , riflessioni sul tema dell'alimentazione, indagini e relazioni in occasione del Consiglio comunale dei ragazzi, spettacoli e giochi di atletica e gare non competitive nel giardino della scuola media, insomma sono tutti impegnati a dare il meglio di sé. 
L'anno scolastico perciò si chiude con un bilancio più che positivo ricco di moltissimi momenti formativi  aggreganti e apre al meritato riposo (ma non troppo) dell'estate e alla scoperta di posti nuovi e bellezze del Nostro Paese.


Desidero salutare tutti gli studenti con alcuni soffi leggeri di poesie di qualche vostro compagno...
Prof .Pav.

L’estate
È arrivate l’estate,
con giornate lunghe e profumate.
Tutti i bambini son felici
e si fanno nuovi amici.
I gelati e le granite
rendono liete le loro vite.
Carlotta 1F



IL TEMPORALE
Arriva nel buio una luce infuriata che scuote e spaventa
a rincorrerla ci sono le grida del cielo che andando si sfogano tremando impauriscono ,
e poi … è il momento del vento che soffia libero
si scorge poi nel cielo un fascio di gioia ,il sole, che riporta la pace , il caldo : la FELICITA’
Cecilia

Poesia
Una sera d’estate,
un’anima ribelle,
si mette seduta ad ammirare le stelle
vede la stella polare,

i fiori sbocciare,

il giorno finire

per poi risvegliarsi all’imbrunire.


Matilda 1F

DIETRO LA PORTA
C’E’ UN BEL REGALO
COSA SARA’DI COSI’STRANO?
UN BEL CUSCINO PER DORMIRCI SU UN POCHINO?
UNA BICICLETTA PER CORRER VIA IN TUTTA FRETTA?
FORSE UN GIOCO BELLO E GIGANTE
CON UN FIOCCO COLORATO E LUCCICANTE?
APRO LA PORTA
TROVO UN PACCHETTO
LO APRO , LO SCARTO
COSA C’E’ DENTRO?
C’E’ UN CAGNOLINO
BELLO CARINO CON UN MUSETTO DA CUCCIOLINO.
AURORA 1F


LA NOTTE

Passan le ore.
Cala la notte
E mentre tutti vanno a dormir
io mi godo il silenzio piombato sulla nostra città.
Si sentono solo le voce dei grilli
che richiamano l’atmosfera notturna
e il desiderio di andar a riposar.
Per un nuovo giorno e
una nuova notte.


LA POESIA
piove il sudore dell 'estate
i fiori sul prato
colorano il parco
col sole che splende
e un piccolo ventaglio
l'estate sarà molto meglio.
Torna settembre
e la tensione si tende,
comincia la scuola
e la gente si annoia;
torna ottobre
e canta il tenore;
arriva novembre
e s' allontana settembre;
arriva dicembre
e la gente si diverte.
Matteo 1F

La mia energia,
è come una poesia,
perché nella mente mia,
non se ne va più via,
l’estate è arrivata,
e io mi sono meravigliata,
il caldo e il vento,
sono tutti in un sinfonico tormento.
Nicolò 1F


Ciao bel ragazzino,
oggi hai un bel profumino
e divertiti un pochino
con i tuoi amici e dei giochini
molto belli e carini
in questi centri estivi per ragazzini. Alessio 1F


Poesia d'Estate

Arriva l'Estate
calda e possente
che con il suo calore rallegra la gente
forse ce un po' di malinconia
dell'Estate precedente
ma nuovi ricordi appariranno in mente
nuove vacanze
nuove avventure
nuove amicizie.
Poi arriva Settembre
e la tristezza riaffiora
ma nell'aria c'è ancora
il sapore dell'Estate
(Bianca 1F)


La poesia

La mia gatta

Ed ecco che arriva
per la strada
è infinitamente bella.
Candida,
bianca come non mai,
gli occhi azzurri,
azzurri di un intenso azzurro.
Il musetto vispo.
Pronta a scattare
in caso veda una preda.
La sua macchia
curiosa, bella
le dà un tocco
d'allegria.
Arriva, io so che è lei.
Inconfondibile.
Si struscia sulla mia mano,
fa le fusa.
Il nasino umido, fresco,
piccolo.
Lo so è lei.
La mia cara, preziosa
gatta.
Emma 1F


Tramonto della vita

D’ un passo affrettato arriva veloce,
toglie la luce sdraiata sul letto e d’un colpo veloce si spegne morente.
Niente la eguaglia, tutti al cospetto ne cadono piangendo.
E dal cupo cielo sgorgan lacrime d’un rosso color
creando un piccolo pezzo di velo
di cui la morte fa la sua veste nel cielo

(Valentino 1F)


Anche quest’anno la scuola è finita,
e con i professori abbiamo giocato una bella partita.
Con regole, formule e nozioni
abbiamo riempito i quadernoni.
Ora al posto del libro di matematica ci aspetteranno belle nuotate al mare.
Al posto delle regole grammaticali da imparare ci aspetteranno passeggiate da fare.
Al posto di suoni e canti,
belle dormite riposanti.
Al posto di traduzioni linguistiche
abbronzature scure, quasi nere.
Finalmente la tanto attesa vacanza è arrivata … penso proprio di averla meritata!
Giulia 1F
....

E le vostre poesie volteggiano ancora nei pensieri? Scrivetele, condividetele...

domenica 11 marzo 2018

Verbale consulta studentesca



Il giorno 8 gennaio 2018 dalle ore 10.50 alle 11.43 si è svolta la seconda riunione della consulta a.s. 2017/2018.
Erano presenti i seguenti rappresentanti di classe:


Rossi Chiara 1 ^A
Milani Luca 2^A
Casellato Elisa 3^A
Bianco Adele 1^B
Mattiazzo Sara 2^B
Ait Abdallah Douaa 3^B
Signoretti Eleonora 1^C
Tiveron Alberto 2^C
Guido Francesca 3^C
Menoncello Marco 1^D
Toffoli Carlo 2^D
Boscato Sabrina 3^D
Messina Emma 1^E
Bortolini Mattia 2^E
Scarpa Sofia 3^E
Cavallaro Davide 1^F
Marogna Elisa 2^F
Cusinato Giorgia 3^F
De Cassan Tommaso 2^F
 il Dirigente scolastico, la prof.ssa Mondin Francesca, e la Referente della scuola secondaria, la prof.ssa Vincenzi Sabrina.

L’ordine del giorno era il seguente:

·         Open Day 13 gennaio 2018

·         Festa fine anno delle classi terze

·         Vari ed eventuali.

La consulta è iniziata con l’intervento del dirigente scolastico che ha ricordato che si deve evitare di accedere ai servizi durante le ore di lezione e che si sono riscontrati nei servizi si sono riscontrati dei problemi, come, ad esempio, il cattivo uso della carta igienica nel bagno della ragazze del primo piano.

Successivamente si è discusso sull’organizzazione dei laboratori e le presenze al open day del 13 gennaio.

Infine si è parlato della festa di fine anno delle classi terze e la preside ha ricordato che durante la festa musica e abbigliamento dovranno essere adeguati all’età e al luogo. Per il buffet deve decidere se raccogliere soldi e comprare cibo e bevande o organizzare in modo che ognuno porti qualcosa.

La segretaria verbalizzante,

                                                   Ait Abdallah Douaa

giovedì 8 marzo 2018

8 marzo#festa della donna

Oggi è la festa della donna e per l'occasione si tiene una lezione di "empatia"ed educazione alla parità e al rispetto di genere.
Come si sente una donna che ha subito una violenza o una molestia magari nel luogo di lavoro?Ci sono donne che dopo aver avuto il coraggio di denunciare le violenze, le hanno dovute subire doppiamente, perchè condannate dai parenti, dagli amici che hanno voltato loro le spalle, dai media, dai giornali, dai profili social che invece di scagliarsi contro i carnefici, spesso si vanno ad alleare con i responsabili e contro le vittime, visto che evidentemente in questa società è ancora purtroppo tollerata e moralmente accettata la violenza sulle donne. Perchè il cambiamento, che è già in atto, sia sempre più forte, dobbiamo partire dai nostri ragazzi. Sviluppare la loro sensibilità e l'empatia nei confronti delle vittime è molto importante per attuare un cambiamento culturale, in un mondo evidentemente ancora molto arretrato riguardo alla condizione femminile.


Il lavoro è stato svolto dalle classi 2E-3E e 2D con la collaborazione della Prof. Scalisi.
Prof. Anto

giovedì 8 febbraio 2018

6.Febbraio#Giornata Nazionale contro il bullismo



Oggi gli alunni di seconda e terza della Scuola Secondaria di 1^grado dell' IC di Preganziol hanno manifestato il loro dissenso al bullismo con uno slogan creato da loro, "in persona": infatti, accompagnati dalla regia delle professoresse Brogna e Norello e immortalati dall'alto dalla prof. ssa Antonello hanno composto le lettere "umane" della frase "NO AL BULLISMO". Questo "flash mob" è una delle iniziative che l' Istituto sta portando avanti  insieme all'educazione al corretto uso della rete, al rispetto delle diversità e all'inclusione, per contrastare questo fenomeno, purtroppo spesso presente nelle scuole.  Le attività di sensibilizzazione rivolte agli alunni, focalizzano le riflessioni sulle dinamiche di gruppo che portano alla prevaricazione e alla vittimizzazione di studenti, ripetutamente nel corso del tempo, attraverso azioni offensive o di esclusione da parte di un compagno spesso avvallato dal gruppo dei pari. I ragazzi, guidati in questo processo di sensibilizzazione, anche attraverso giochi di ruolo, vengono a conoscenza dei propri diritti e delle proprie responsabilità in merito a tale fenomeno e soprattutto scoprono che il bullismo è una "violazione dei diritti umani" poichè lede la dignità di chi lo subisce ed è contrario ai principi fondamentali quali l'inclusione, la partecipazione e la non discriminazione, sanciti dalla nostra Costituzione e dalla Dichiarazione universale dei diritti umani.
La strada da percorrere è ancora lunga, ma i nostri ragazzi spesso ci stupiscono per la loro capacità di raccontarsi e mettersi in gioco positivamente. Il loro ruolo attivo nello studio del fenomeno e nelle azioni di contrasto verso il bullismo, potrebbe portare un cambiamento sociale e culturale che noi insegnanti,non possiamo che augurarci avvenga, anche con il supporto di famiglie ed istituzioni.

Prof.Anto


domenica 28 gennaio 2018

27gennaio#Giornata della memoria#Per non dimenticare

Giornata della Memoria, per non dimenticare...
L’anniversario si riferisce alla liberazione del campo di sterminio di Auschwitz avvenuta il 27 gennaio 1945 a opera dell’Armata Rossa. È un appuntamento fisso per ricordare le vittime provocate dalle ideologie del regime nazista, le leggi razziali, le deportazioni, la prigionia nonché tutti coloro che, a rischio della propria vita, si opposero al regime nazifascista. Il termine ricorrente riferito al popolo ebraico (che ha subìto almeno sei milioni di morti) è Shoah, vocabolo successivamente preferito a Olocausto in quanto non richiama, come quest’ultimo, l’idea di un sacrificio inevitabile. 
La scuola secondaria di 1^ grado di Preganziol ha ricordato il tragico e oscuro periodo storico organizzando alcune attività didattiche nella mattinata di venerdì 26. In apertura vi è stata la visita alla mostra, allestita dal sottoscritto con la collaborazione delle professoresse Rosa Giabardo e Claudia Donadini, contenente progetti grafici e soluzioni materiche a effetto realizzati dagli alunni. A seguire la proiezione del film Schindler’s list (solo classi terze) in aula Montagner con le necessarie riflessioni conclusive.
Ma cosa non bisogna dimenticare? Almeno tre cose. La prima: che le innumerevoli vittime (non solo ebrei) vanno sempre commemorate e rispettate. La  seconda: che tutto questo potrebbe ripetersi visto che nessuno può garantirci il contrario e considerato il moltiplicarsi nel nostro Paese e nel resto d’Europa di episodi di violenza e xenofobia. La terza: che la nostra generazione ha avuto la fortuna (o il merito...) di non vivere ciò che chi ci ha preceduto ha vissuto sulla propria pelle. Ecco, tutto questo, non può essere assolutamente dimenticato. Concludo con una citazione di Albert Einstein“Conosco una sola razza, quella umana”.

Prof. Roberto Cherubino.


Presentiamo  una selezione dei lavori  della  Mostra degli alunni della scuola Secondaria dell' IC Preganziol  a cura del Prof. Roberto Cherubino. 















Prof. Anto






giovedì 11 gennaio 2018

OPEN DAY 2018


Buongiorno a tutti! Eccoci qui anche quest'anno a dare il BENVENUTO nella nostra scuola dallo spazio del Blog scolastico ai genitori ed agli alunni dell'ultimo anno della Scuola  Primaria.
Dalle ore 15.30 alle 17.00 oggi, sabato 13 gennaio 2018, la nostra Dirigente, i Docenti e i ragazzi  della Consulta della "Ugo Foscolo" presenteranno la scuola, i tempi scuola previsti per il prossimo anno scolastico e le attivittà integrative e laboratoriali.
Aspettiamo numerosi i commenti dai nostri visitatori...
Che impressione vi ha fatto la nostra scuola? Ora a voi la parola, se lo vorrete, per esprimere le vostre prime impressioni... E, ci auguriamo, di rivederci tutti tutti a settembre all'apertura dell'anno scolastico 2018-19!
I docenti e gli alunni della “Ugo Foscolo”