giovedì 8 febbraio 2018

6.Febbraio#Giornata Nazionale contro il bullismo



Oggi gli alunni di seconda e terza della Scuola Secondaria di 1^grado dell' IC di Preganziol hanno manifestato il loro dissenso al bullismo con uno slogan creato da loro, "in persona": infatti, accompagnati dalla regia delle professoresse Brogna e Norello e immortalati dall'alto dalla prof. ssa Antonello hanno composto le lettere "umane" della frase "NO AL BULLISMO". Questo "flash mob" è una delle iniziative che l' Istituto sta portando avanti  insieme all'educazione al corretto uso della rete, al rispetto delle diversità e all'inclusione, per contrastare questo fenomeno, purtroppo spesso presente nelle scuole.  Le attività di sensibilizzazione rivolte agli alunni, focalizzano le riflessioni sulle dinamiche di gruppo che portano alla prevaricazione e alla vittimizzazione di studenti, ripetutamente nel corso del tempo, attraverso azioni offensive o di esclusione da parte di un compagno spesso avvallato dal gruppo dei pari. I ragazzi, guidati in questo processo di sensibilizzazione, anche attraverso giochi di ruolo, vengono a conoscenza dei propri diritti e delle proprie responsabilità in merito a tale fenomeno e soprattutto scoprono che il bullismo è una "violazione dei diritti umani" poichè lede la dignità di chi lo subisce ed è contrario ai principi fondamentali quali l'inclusione, la partecipazione e la non discriminazione, sanciti dalla nostra Costituzione e dalla Dichiarazione universale dei diritti umani.
La strada da percorrere è ancora lunga, ma i nostri ragazzi spesso ci stupiscono per la loro capacità di raccontarsi e mettersi in gioco positivamente. Il loro ruolo attivo nello studio del fenomeno e nelle azioni di contrasto verso il bullismo, potrebbe portare un cambiamento sociale e culturale che noi insegnanti,non possiamo che augurarci avvenga, anche con il supporto di famiglie ed istituzioni.

Prof.Anto


domenica 28 gennaio 2018

27gennaio#Giornata della memoria#Per non dimenticare

Giornata della Memoria, per non dimenticare...
L’anniversario si riferisce alla liberazione del campo di sterminio di Auschwitz avvenuta il 27 gennaio 1945 a opera dell’Armata Rossa. È un appuntamento fisso per ricordare le vittime provocate dalle ideologie del regime nazista, le leggi razziali, le deportazioni, la prigionia nonché tutti coloro che, a rischio della propria vita, si opposero al regime nazifascista. Il termine ricorrente riferito al popolo ebraico (che ha subìto almeno sei milioni di morti) è Shoah, vocabolo successivamente preferito a Olocausto in quanto non richiama, come quest’ultimo, l’idea di un sacrificio inevitabile. 
La scuola secondaria di 1^ grado di Preganziol ha ricordato il tragico e oscuro periodo storico organizzando alcune attività didattiche nella mattinata di venerdì 26. In apertura vi è stata la visita alla mostra, allestita dal sottoscritto con la collaborazione delle professoresse Rosa Giabardo e Claudia Donadini, contenente progetti grafici e soluzioni materiche a effetto realizzati dagli alunni. A seguire la proiezione del film Schindler’s list (solo classi terze) in aula Montagner con le necessarie riflessioni conclusive.
Ma cosa non bisogna dimenticare? Almeno tre cose. La prima: che le innumerevoli vittime (non solo ebrei) vanno sempre commemorate e rispettate. La  seconda: che tutto questo potrebbe ripetersi visto che nessuno può garantirci il contrario e considerato il moltiplicarsi nel nostro Paese e nel resto d’Europa di episodi di violenza e xenofobia. La terza: che la nostra generazione ha avuto la fortuna (o il merito...) di non vivere ciò che chi ci ha preceduto ha vissuto sulla propria pelle. Ecco, tutto questo, non può essere assolutamente dimenticato. Concludo con una citazione di Albert Einstein“Conosco una sola razza, quella umana”.

Prof. Roberto Cherubino.


Presentiamo  una selezione dei lavori  della  Mostra degli alunni della scuola Secondaria dell' IC Preganziol  a cura del Prof. Roberto Cherubino. 















Prof. Anto






giovedì 11 gennaio 2018

OPEN DAY 2018


Buongiorno a tutti! Eccoci qui anche quest'anno a dare il BENVENUTO nella nostra scuola dallo spazio del Blog scolastico ai genitori ed agli alunni dell'ultimo anno della Scuola  Primaria.
Dalle ore 15.30 alle 17.00 oggi, sabato 13 gennaio 2018, la nostra Dirigente, i Docenti e i ragazzi  della Consulta della "Ugo Foscolo" presenteranno la scuola, i tempi scuola previsti per il prossimo anno scolastico e le attivittà integrative e laboratoriali.
Aspettiamo numerosi i commenti dai nostri visitatori...
Che impressione vi ha fatto la nostra scuola? Ora a voi la parola, se lo vorrete, per esprimere le vostre prime impressioni... E, ci auguriamo, di rivederci tutti tutti a settembre all'apertura dell'anno scolastico 2018-19!
I docenti e gli alunni della “Ugo Foscolo”

mercoledì 20 dicembre 2017

Evviva le gite!

Un'uscita didattica speciale per imparare in modo diverso

In questi giorni tutte le classi seconde sono andate a visitare la Tipoteca di Cornuda. La scelta di studiare esternamente la stampa, argomento collegato alla storia, è stata vincente, ecco alcune delle nostre foto legate al processo della stampa  inventata da Gutemberg e perfezionata nel tempo da molti abili artigiani.






domenica 10 dicembre 2017

BENVENUTI ALLA "UGO FOSCOLO"

Cari ragazzi della quinta classe della Primaria,
è arrivato il vostro momento di conoscere la Scuola Secondaria di Primo Grado di Preganziol e i suoi laboratori! Benvenuti nell'aula d'informatica, sia la prima aula (dopo l'aula magna Montagner) che avete visto qui o l'ultima della vostra mattinata, è comunque il luogo dove potete scrivere qualcosa della vostra esperienza, quindi non siate timorosi e qui sotto, nei commenti, potete esprimere emozioni, riflessioni e giudizi su questa giornata di conoscenza di una realtà che vi vedrà protagonisti dal prossimo anno scolastico per tre anni!
Un caro saluto dalle prof. Vince, Anto e Pav e dai compagni di seconda che vi accompagneranno in questa mattinata di scoperta... A prestooooooooo!
P.s. Vi aspettiamo infatti anche all'open day di sabato 13 gennaio 2018 con i vostri genitori...

lunedì 27 novembre 2017


Verbale Consulta studentesca

Lunedì 20 novembre 2017 dalle ore 10.50 alle 11.43 si è svolta la prima riunione della Consulta studentesca dell’anno scolastico 2017/2018 presso la Dirigenza, per la discussione del seguente o.d.g.:
  1. Presentazione nuovi componenti;
  2. Elezione Presidente, Vice presidente, Segretario e Responsabili bacheca, se necessari.
  3. Accordi per la produzione e l’inoltro del verbale delle sedute;
  4. Programmazione attività.
Sono presenti i Rappresentanti di classe:
Rossi Chiara 1 ^A
Milani Luca 2^A
Casellato Elisa 3^A
Bianco Adele 1^B
Mattiazzo Sara 2^B
Ait Abdallah Douaa 3^B
Signoretti Eleonora 1^C
Tiveron Alberto 2^C
Guido Francesca 3^C
Menoncello Marco 1^D
Toffoli Carlo 2^D
Boscato Sabrina 3^D
Messina Emma 1^E
Bortolini Mattia 2^E
Scarpa Sofia 3^E
Cavallaro Davide 1^F
Marogna Elisa 2^F
Cusinato Giorgia 3^F
De Cassan Tommaso 2^G
Il Dirigente scolastico, la professoressa Francesca Mondin, e la Referente della Scuola secondaria, professoressa Sabrina Vincenzi.

Come da O.d.G., la seduta è iniziata con la presentazione degli alunni rappresentanti di classe, seguita dalla spiegazione della Dirigente scolastica del valore della Consulta, un organo consultivo non obbligatorio nella Scuola secondaria di Primo grado, ma importante per dare voce agli studenti; grazie alla Consulta si sono coordinate varie iniziative educative del Plesso, tra le quali, la più importante, è quella del controllo rifiuti.

Si è passati, quindi, al secondo punto all'O.d.G., cioè all'elezione del Presidente, Vice presidente, Segretario e Responsabili bacheca.
In modo democratico sono stati nominati:
-    Scarpa Sofia 3^E nel ruolo di Presidente
-    Mattiazzo Sara 2^B nel ruolo di Vice presidente
-    Ait Abdallah Douaa 3^B nel ruolo di Segretario
-    Rossi Chiara nel ruolo di Responsabile bacheca del piano terra.
-    Menoncello Marco 1^D nel ruolo di Responsabile bacheca del primo piano.

La professoressa Vincenzi spiega che la segretaria dovrà inviare al suo indirizzo mail il verbale che sarà successivamente sia pubblicato nel Blog, che inviato in segreteria e stampato affinché gli alunni responsabili delle bacheche dei due piani possano affiggerlo nell'apposita bacheca, per consentirne la lettura da parte di tutti gli studenti della scuola.

La Dirigente informa delle attività che si svolgeranno nei prossimi mesi, ovvero l’uscita delle classi terze alla mostra a villa Guidini, denominata “In nome dell’uomo” con lo scopo di sensibilizzare sulla violenza contro le donne venerdì 1 dicembre, la ricorrenza di Santa Barbara che vedrà una Commemorazione domenica 3 dicembre nella sede degli Artiglieri di Preganziol dalle 9.00 alle 11.00, alla quale la Preside raccomanda la presenza degli alunni, l’Open Day di sabato 13 gennaio 2018, a cui invita i Rappresentanti della Consulta; chiede infine agli alunni di terza di organizzare la festa di fine anno con un certo anticipo, per evitare di trovarsi troppo in là nell'organizzazione a fine anno scolastico.
La Dirigente, dopo aver fatto le sue comunicazioni, dà la parola agli alunni affinché espongano le problematiche delle classi, come la porta che non si chiude perfettamente in 3^A, i touch delle LIM non funzionanti in 3^D, 2^B, 2^F e 2^A, un nido di api che causa l’entrata di quest’insetti nelle classi 2^B, 1^B e 3^D, lavagne cigolanti in 3^A e 1^D; la maggior parte delle classi lamenta veneziane non funzionanti e connessione ad internet lenta. Per quest'ultimo problema la preside spiega che consisteva nel centralino che verrà cambiato a breve. Alcuni si lamentano di comportamenti scorretti in autobus da parte di alcuni compagni, fruitori del servizio. Sulla questione del trasporto degli alunni in autobus, la Dirigente ha puntualizzato che nonostante sia un servizio gestito dal comune, anche la scuola, oltre il comune, potrebbe sanzionare le persone che si comportano in malo modo. Ha ricordato, infine, agli alunni che accedere ai servizi durante le ore di lezione, se non in casi urgenti, è vietato; ha aggiunto che gli alunni del piano superiore possono accedere ai bagni del proprio piano prima di scendere in cortile per la ricreazione.
Esauriti i punti all'O.d.G e gli argomenti di discussione, la seduta è stata tolta; la prossima riunione sarà lunedì 8 gennaio 2018.
                                                                                            Segretaria verbalizzante
                                                                                                  Douaa Ait Abdallah
Preganziol, 20 novembre 2017

lunedì 13 novembre 2017

il Decalogo #BastaBufale

Cosa bolle in pentola oggi?

Un decalogo per aiutare gli studenti a scoprire le fake-news.

Affidare ai più giovani la caccia alle fake news, è la sfida che la Presidente della Camera, Laura Boldrini, ha lanciato con l'intento di formare detective del web, in grado di capire, sempre, se una notizia è vera o è falsa, se un post su Facebook è una menzogna. Per riuscirci la Presidente Boldrini, insieme al Ministro Valeria Fedeli, ha messo a punto il progetto di educazione civica digitale: un decalogo per aiutare i ragazzi a difendersi dalle fake news.
Il Decalogo
  1. Condividi solo notizie che hai verificato
  2. Usa gli strumenti di Internet per verificare le notizie
  3. Chiedi le fonti e le prove
  4. Chiedi aiuto agli esperti
  5. Ricorda che anche Internet e i social network sono manipolabili
  6. Riconosci i vari tipi e gli stili delle notizie false
  7. Hai un potere enorme, usalo bene
  8. Dai il buon esempio: non lamentarti del buio, ma accendi la luce
  9. Impara a riconoscere gli odiatori e i provocatori seriali
  10. Ricorda che il tuo click ha un valore


Sembra strano che con tante cose da fare due persone così importanti si siano prodigate a divulgare questo documento per educare i giovani a fare attenzione alle notizie che circolano in rete. Certo è, secondo il mio modesto giudizio, che continuamente a scuola gli insegnanti guidano gli studenti a diffidare di notizie cercate, copiate, stampate, ripetute banalmente dai social o dai motori di ricerca. La scuola è proprio questo: leggere,  capire, verificare qualsiasi dato. Anche una poesia o dei versi di Dante possono essere letti e interpretati in modo diverso a seconda dello studioso o del periodo storico. Perciò perché ancora oggi si crede a tante notizie fatte circolare per ingannare o sviare chi desidera conoscere utilizzando mezzi moderni? L'uomo ha ancora bisogno di essere ingannato, basti pensare  a chi crede agli oroscopi o ad "amici" che hanno un secondo fine?
E voi ragazzi cosa ne pensate? Vi è capitato di assistere a fatti spiacevoli? Avete cercato dati e avete trovato notizie false? Condividete con noi, magari siete molto più esperti della sottoscritta...
 Prof. Pav.